SAMSONITE INTERNATIONAL S.A. SEGNA UN + 31,8% NEL PRIMO SEMESTRE 2017

samsonite

Samsonite International S.A. ha annunciato i risultati del semestre conclusosi il 30 Giugno 2017. Le vendite nette del Gruppo sono cresciute nel primo semestre dell’anno del 31,8% a cambio costante, raggiungendo la cifra record di 1 miliardo 586,1 milioni di dollari statunitensi. L’EBITDA rettificato per la semestrale in analisi è cresciuto del 26,9% anno su anno per un valore pari a 241.5 milioni di dollari statunitensi.
Questi risultati sono stati confermati anche dalle singole aree geografiche che hanno visto tutte una crescita a due cifre a parità di cambio, anno su anno:
Asia: +19,8% (+3,8% escludendo Tumi).
Nord America: +53% (+7,4% escludendo Tumi).
Europa: +24% (+11,5% escludendo Tumi).
America Latina: +19,4%
Nel dettaglio, tutte le categorie di prodotto hanno realizzato una crescita costante delle vendite nette su base annua:
o Travel: +20.5% (+6.5% escludendo Tumi) pari a US$977.8 milioni.
o Business: +98.1% (+2.5% escludendo Tumi) pari a US$262.7 milioni.
o Casual: +29.8% (+19.3% escludendo Tumi) pari a US$186.2 milioni.
o Accessories: +40.6% (+8.5% escludendo Tumi) pari a US$130.1 milioni.
In particolare, il canale direct-to-consumer ha registrato una crescita importante con un + 89,0% (+ 20,2% escludendo Tumi) rispetto all’anno precedente. Tale performance è stata determinata da un incremento del 126,7% delle vendite nette nell’e-commerce direct-to-consumer dovuto in parte all’acquisizione di eBags.
Il 5 maggio 2017, Il Gruppo ha completato infatti l’acquisizione di eBags, uno dei principali rivenditori online di borse e accessori per il viaggio, per un corrispettivo in contanti di US $ 105,0 milioni. L’acquisizione di eBags fornisce al Gruppo una piattaforma forte per accelerare la crescita del canale e-commerce direct-to-consumer sia in Nord America sia a livello mondiale. L’acquisizione inoltre arrichisce Samsonite International S.A di risorse immediate e know-how digitali per rafforzare ulteriormente le proprie competenze in quest’area.
Il segno + del primo semestre del Gruppo ha trovato conferma anche nella crescita dei singoli brand che hanno fatto registrate ottime performance a partire dal marchio Tumi del quale, nella prima metà del 2017, il Gruppo ha assunto un controllo diretto della distribuzione in Corea del Sud, Cina, Hong Kong, Macao, Indonesia e Thailandia. Il Gruppo ha inoltre aggiunto 37 nuovi negozi Tumi in tutto il mondo e ha notevolmente incrementato il supporto di marketing per il marchio nel primo semestre dell’anno in corso. Grazie a questi investimenti, il marchio Tumi ha registrato vendite nette pari a 296,9 milioni di dollari nel periodo considerato, portando un contributo significativo alla crescita del business del Gruppo in Asia, in Nord America e in Europa.
In questo scenario di crescita, il mercato italiano non ha tradito le aspettative e ha visto le vendite del primo semestre attestarsi intorno ai 30 milioni di euro (33.207.000 USD) con una crescita dell’8,3% (escludendo il marchio Tumi) rispetto all’anno precedente. Il 50% delle vendite è stato generato dal canale Direct-to-Consumer in crescita del 13% rispetto all’anno precedente, ancora una volta grazie agli eccezionali risultati della catena Chic Accent (+14%), dei negozi diretti Samsonite (+11%) e delle vendite on line (+37%).
Il mercato Italia vede una performance positiva del brand Samsonite con un consolidamento delle vendite di prodotti viaggio e una crescita significativa delle categorie No Travel (+11% vs 2016), come Business e Accessori. Un ulteriore contributo al raggiungimento dei risultati è portato dalle vendite relative ad American Tourister, il marchio di valigeria dedicato ad un target più giovane, la cui brand awareness è in costante crescita grazie ai continui investimenti in comunicazione.
A livello globale, per la seconda metà del 2017, Samsonite international S.A continuerà a concentrarsi sullo sviluppo di un diversificato modello di business multi-brand, multi-categoria e multicanale, per valigie, borse e accessori, al fine di operare con punti prezzo più ampi e una maggiore demografia dei consumatori, con l’obiettivo di affrontare le opportunità di mercato per i prodotti relativi ad un target femminile in ogni categoria.

di Redazione