Convivio mostra a Sasso Morelli

SnapCrab_NoName_2017-9-5_16-38-59_No-00

Nell’ambito della XXIV edizione del percorso artistico “Segni e immagini della devozione popolare” organizzato da CLAI, si terrà il 9 e il 10 settembre la mostra “Convivio” presso la Chiesa del Morelli a Sasso Morelli (Imola). Un approfondimento iconografico dell’Ultima Cena con materiali artistici eterogenei sette-ottocenteschi e l’esposizione di maioliche d’uso e di decorazione databili tra la seconda metà del Settecento e il terzo quarto del Novecento.
Marco Violi, curatore della mostra, ha sviluppato la mostra “Convivio” attraverso due filoni tematici: il primo comprende un’ampia selezione di stoviglie d’uso e di decorazione, mentre il secondo dedicato all’Ultima Cena, comprende importanti elementi d’arte sacra.
Per quanto riguarda il “Convivio quotidiano” – spiega Marco Violi – abbiamo dedicato ampio spazio alla maiolica imolese esponendo straordinarie opere come il bellissimo piatto da pompa recante l’arma di Gaetano Fantuzzi, le due zuppiere con presa a frutto, una delle quali decorata a paesino bruno. La seconda sezione, la più importante poiché direttamente legata al tema principale del convivio eucaristico, è costituita da tre sole opere, tutte prestate dal Capitolo della Cattedrale di San Cassiano di Imola: un dipinto settecentesco ad olio magro su tela, un calice ottocentesco in vermeil e smalto e un incredibile manufatto utilizzato nella processione introduttiva al rito della Domenica delle palme, costituito da un ricchissimo intreccio floreale che dà vita – in progressione verticale – a tre autentici capolavori di “scultura”, realizzati anch’essi intrecciando le foglie di palma: Cristo nell’orto di Getsemani, l’Ultima Cena e Cristo risorto.”
La mostra, patrocinata dalla Diocesi e dall’Amministrazione comunale di Imola, raccoglie oltre sessanta opere provenienti dal Capitolo della Cattedrale imolese, dalle raccolte del MIC di Faenza, della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e del Museo della Cooperativa Ceramica di Imola, oltre che da alcuni collezionisti privati.