Baci Stellari…intervista a Valeria Marini

Arriva la bomba che scoppia e rimbomba, ah ah, si tratta di….dai reggiti forte che…” e così via. E’ un refrain che ben si sposa per Valeria Marini che, come una vera diva – la puntualità va a farsi benedire – ha il suo staff dietro, che l’accompagna nella stanza attigua per il cambio d’abito. Comprese le ciglia finte? Eccola, finalmente, altissima, biondissima e spumeggiante con le lunghe unghie laccate di rosso e la consueta decorazione sui capelli d’oro.
La musica invade lo stand di Happiness mentre la calca di persone cerca di osservarla meglio nella speranza di ricevere un suo autografo. Fa caldo, ma non è il caldo di Antò, bensì quello vero ed appiccicoso che si respira a Pitti in occasione della consueta kermesse del mese di giugno.
Oddio, mi sto squagliando, no….no! Adesso i primi piani proprio no!” E mentre dice questo, gesticolando, somiglia non poco a Jessica Rabbit, agitando il ventaglietto in perfetta mise col suo look. E’ il momento del gira e rigira col proprietario di Happiness, nello spazio creato ad hoc, tirano fuori ‘migliaia’ di grucce colme di abitini, pantaloni, spolverini, casacche, costumi d’un tessuto così bello ed impalpabile – tutto frou frou – in cui la macchia leopardata spesso e volentieri fa’ capolino. E, di tutto questo, Valeria ne è stilista grazie alla collezione ‘Baci Stellari’.
Piombano le domande.
Adoro il tubino nero, è un capo che nel mio guardaroba non manca mai, e adesso che ho scoperto Happiness anche una bella felpa, perchè anche casual è bello e quindi da mettere. L’accessorio che non può mancare è il tacco, assolutamente!, quanto al mio stile è ‘stellare'; Happiness è il “Made in Italy” che conquista il mondo! Qui è tutto molto easy, però c’è anche tanto glamour!
Gli domandano cosa pensa dell’Italia e dove preferisce lavorare. “ Cominciamo da Firenze che è meravigliosa: il nostro è un paese happy e deve essere happy! Tutto il mondo ci ama, non a caso è meta di turisti provenienti da ogni parte del globo, anche se purtroppo di questo non ce ne rendiamo conto. La nostra nazione rappresenta un vero e proprio sogno, viviamo in un capolavoro. Quanto al lavoro…mah…oltre che lavorare in casa penserei alla Spagna, all’America…
Appare il signor Yuri che parla di tendenze. “Una bella tuta da ginnastica abbinata ad una bella giacca. Basta così, il look è pronto!
La diva dalle lunga ciglia sorride mentre osserva: “ecco perchè mi sono fatta guidare da lui pensando insieme a questa collezione quale capsula speciale Happiness. Adesso basta, vi prego, dobbiamo andare“.
Come sarà la tua estate?
“Assolutamente caliente!”
Arriva un piccolino piccolino in braccio, mentre tutti attorno gli fanno le feste. Inizialmente sorride anche se dopo comincia un po’ a piagnucolare per il gran trambusto attorno.
Valeria, a quando un bel bambino anche per te?
Spero presto!”
L’uomo giusto?
Non c’è!”
Allora è proprio vero che ti sei separata?
Si, verissimo!”
Moda consolatoria

di Carla Cavicchini