AL BATTI BATTI LA LIGURIA SI SERVE IN TAVOLA

 

Milano, 21 marzo 2014

In Corso Garibaldi 41 un angolo di Liguria ha acceso le sue luci alla vigilia della Primavera: si tratta dell’inaugurazione dell’Osteria del Batti Batti.

Il proprietario, già conosciuto nel campo della ristorazione, Riccardo Minati, ha deciso di lanciarsi nel suo nuovo e freschissimo progetto per portare nella grigia e caotica Milano un angolino di Liguria, di mare e di pace.

La sua nuova impresa si affianca a quella della già nota Trattoria del Corso, in corso Garibaldi, specializzata nella cucina della carne e dove, infatti, si può gustare un’ottima bourguignonne.

L’idea del “Batti batti”, nasce proprio durante i soggiorni estivi nella regione che ispirano nuovi tentativi e desideri di sana vitalità e varietà da portare in città.

Regina dell’Osteria è la cicala di mare, da cui trae il nome il ristorante per il movimento del suo corpicino in acqua, il batti batti.

Pochi piatti ma sani e buoni, questo lo slogan, fondamento del recupero della tradizione culinaria italiana di mare che si sposa perfettamente all’innovazione vincente. Un’idea realizzata grazie al sostegno dello chef Luigi Scognamillo, guida del team, che da anni anima e colora le serate mondane liguri con piatti e sapori della cucina di mare.

Tra le proposte del menù si troveranno: polpo su crema calda di patate, fritto di totani spillo con julienne di verdure e tartare di tonno con stracciatella e fiori di cappero.

Per quanto riguarda i primi, sempre nel rispetto della cultura regionale, pasta fresca e gnocchi preparati secondo la tradizione; da non dimenticare assolutamente i tagliolini del Batti Batti, punto di forza per gli amanti della pasta fatta in casa.

L’ambiance è del tutto coerente con il concetto di intimità e di aggregazione intorno alla buona tavola ed anche l’accurato design scelto da Daniela Migliavada sa offrire al cliente un’intima atmosfera.

 di  Camilla Titomanlio